Partha Dasgupta: indice di sviluppo inclusivo per misurare ricchezza di un Paese

dasgupta euricseAndare oltre il prodotto interno lordo è possibile e socialmente necessario: è quanto sostenuto dal Professor Partha Dasgupta docente dell'Università di Cambridge, nella lectio magistralis tenuta lo scorso 14 febbraio a Trento, organizzata da Euricse e intitolata "La vera ricchezza delle nazioni".

Il Professor Dasgupta ha condotto una lezione a partire dalle domande: si possono sostituire gli attuali indicatori di sviluppo (Pil e le sue varianti) con misure più complete della vera ricchezza e dei livelli di benessere delle nazioni? La crisi può essere un'opportunità per trasformare l'economia globale in senso inclusivo e ambientalmente sostenibile?

di Alessia Ciccotti

Come Dasgupta ha sostenuto in numerose pubblicazioni, superare il concetto tradizionale di Pil è possibile e uno dei punti fondamentali consiste nel passare, appunto, dal Pil al prodotto interno netto, tenendo conto di molti più fattori di quanto non si faccia normalmente.

La proposta del professore è di considerare "l'indice di sviluppo inclusivo", come misura della ricchezza di un Paese (National Wealth, dal titolo del suo articolo). Tale indicatore dovrebbe certamente considerare la ricchezza materiale della Nazione (infrastrutture, macchinari...), ma anche la ricchezza umana (salute, educazione...) e il capitale naturale (struttura degli ecosistemi, risorse naturali...).

Di seguito riportiamo il testo completo dell'intervista di Euricse a Sir Partha Dasgupta:

È possibile superare il tradizionale indice del Prodotto Interno Lordo di un Paese e introdurre nuovi indicatori per misurare l'effettiva condizione della ricchezza di una nazione?
Certamente, è proprio ciò che viene fatto in numerose pubblicazioni: ed è questo il corretto tipo di indice.

Che tipo di benefici può portare questo nuovo indice per la popolazione e per le imprese?
Il punto è che l'idea di "Indice di Ricchezza Inclusiva" (Inclusive Wealth) è quella giusta perché tiene conto del benessere sociale dell'economia della Nazione considerata. Noi dovremmo studiare la Ricchezza delle Nazioni e non il PIL o l'Indice di sviluppo umano (HDI) delle Nazioni. Quegli indici ci dicono qualcosa ma non catturano l'effettivo benessere sociale. La ricchezza [L'Indice di Ricchezza Inclusiva ndt] lo fa.

L'Inclusive Wealth Report introduce l'Indice di Ricchezza Inclusiva. Quali indicatori sono contenuti in questo Indice?
Provi a chiedersi: cosa costituisce la ricchezza di una nazione? La risposta deve essere: l'insieme di tutte le risorse produttive. Quindi il concetto di ricchezza include il capitale produttivo, chiaramente, strade, edifici, macchinari, strumenti, eccetera, ma include anche il capitale umano: salute, educazione, e include anche il capitale naturale: natura, ecosistemi, risorse del sottosuolo, eccetera. È, pertanto, una nozione molto inclusiva. Dovremmo sempre chiederci: qual è la base produttiva di un'economia? Ciò darà la risposta.

Le cooperative sembrano avere già una particolare attenzione verso gli aspetti sociali e ambientali, un'attenzione che va oltre il PIL. È d'accordo?
Sì, sono molto d'accordo. Credo che il movimento cooperativo, nelle sue varie forme, abbia affrontato i problemi giusti ma bisogna ricordare che la misurazione (tramite indici, ndt) non è mai stato il problema fondamentale per le cooperative. Esse si sono interessate – e nel modo giusto, anche – al modo in cui il lavoro e il capitale si legano l'uno l'altro in un'impresa. Si tratta di una rottura importante con il capitalismo convenzionale. Nel farlo, il movimento cooperativo si è reso conto di quanto il capitale naturale sia un fattore estremamente importante nelle relazioni produttive. Quindi sì, questo è stato riconosciuto.
Ma l'intenzione del movimento non era di costruire un nuovo indice economico, ecco dove l'Indice di Ricchezza Inclusiva rappresenta un vantaggio ulteriore.

La crisi globale ha un aspetto diverso vista attraverso la lente dei nuovi indicatori?
Non ne sono così sicuro perché la crisi globale è, si spera, un fenomeno a breve termine. Ora, con "breve" non intendo certo che è una cosa da poco, dura da cinque anni e solo il Signore sa quanto ci metteremo a uscirne. Ma quando pensiamo al capitale umano e sociale dobbiamo avere in mente una prospettiva di 30, 40 anni, anche 200 anni. Dal cambiamento del clima globale in poi l'orizzonte su cui pensiamo alle conseguenze di ciò che facciamo è stato spostato a due o trecento anni. C'è quindi una prospettiva temporale rispetto alla quale non posso davvero darvi una buona risposta su quale potrà essere l'impatto sulla crisi del prendere in considerazione gli indicatori dell'Indice di Ricchezza Inclusiva.

Secondo la sua esperienza e la sua opinione, l'introduzione di nuovi indicatori potrà cambiare la mappa geopolitica del mondo e se sì in che modo?
È un'ottima domanda e non posso dare una risposta altrettanto buona. Avrà due differenti effetti: uno nel caso in cui le nazioni giungano a un qualche tipo di accordo riguardo al problema delle risorse naturali, per esempio, o al clima globale, al carbonio nell'atmosfera o riguardo agli oceani o alle forme di vita in pericolo. In questo caso ci sarebbe un cambiamento nell'equilibrio del potere.
Ma se, dall'altra parte, non raggiungessero un accordo, ci sarebbe comunque un cambiamento nell'equilibrio del potere perché differenti Paesi verrebbero influenzati in modi diversi dai problemi derivanti dalle criticità riguardanti le risorse naturali. E alcuni Paesi sarebbero più disposti a fare qualcosa: per esempio, attualmente l'Occidente e l'UE sono molto più preoccupati per il cambiamento climatico di quanto non siano, ad esempio, India e Cina. Quindi se le cose andranno come al solito, ci sarà comunque un cambiamento nello schema geopolitico e credo che sarebbe anche interessante provare a mappare il modo in cui verranno affrontati i cambiamenti nei Paesi a seconda che prendano sul serio i problemi globali oppure no.

Concludiamo tornando alla crisi: la crisi può essere un'opportunità per trasformare l'economia globale in modo inclusivo e ambientalmente sostenibile?
Vorrei che la risposta fosse sì, purtroppo non credo che sia così. La crisi ha reso la gente particolarmente preoccupata verso le entrate lorde e, naturalmente, verso l'occupazione. Nell'articolo che ho presentato alla Conferenza di Venezia (Promoting The Understanding of Co-operatives for a Better World, ndt) ho evidenziato il fatto che il capitalismo contemporaneo non riesce in realtà a recidere il collegamento tra occupazione e produzione [output]. L'occupazione è qualcosa cui teniamo molto, l'output – termine con cui intendo il Pil – dovrebbe importare meno. Ma la crisi al momento sembra concentrare l'attenzione esclusivamente sull'occupazione e di conseguenza sul Pil. La concentrazione su un solo aspetto del problema, il Pil, chiaramente relega la natura in un angolo. Insomma credo che l'attuale crisi sia una brutta notizia per varie ragioni, incluso il fatto che stiamo abbandonando il nostro interesse per l'ambiente.

 

Clicca qui per guardare il photoreport dell'evento

Visita il sito di Euricse per consultare gli altri materiali dell'evento

 
Novembre 2017
L M M G V S D
1
19

Social wall CSV

Torna su