Mer06282017

Last updateMar, 27 Giu 2017 9am

Sei qui: Home Notizie Tutte le notizie CSV Formazione per giornalisti: quattro incontri in un mese organizzati dai CSV

Formazione per giornalisti: quattro incontri in un mese organizzati dai CSV

comunicazione

Due seminari a Genova e uno a Feltre (Belluno) hanno al centro il linguaggio non discriminatorio a partire dal progetto “Parlare civile”. A Torino si parla invece di “buone notizie” e di come favorire l’incontro tra giornalisti e volontariato.

Sono ben quattro in poco più di un mese i seminari di formazione per giornalisti organizzati da Centri di servizio per il volontariato e accreditati dall’Ordine nazionale della categoria.

Si è cominciato l’11 maggio a Genova, dove il Celivo ha proposto l’incontro dal titolo “Il giusto linguaggio per informare senza discriminare”: tre approfondimenti (la “manutenzione delle parole”, la disabilità, il volontariato) a partire dal progetto Parlare civile dedicato al linguaggio più adeguato su temi a rischio di discriminazione.

Lo stesso progetto sarà al centro di “Parlare civile, parlare sociale”, organizzato dal CSV di Belluno per il 3 giugno prossimo a Feltre (BL). Anche qui, oltre a un’introduzione generale, tre approfondimenti: sull’immigrazione con Martina Chichi dell’associazione Carta di Roma, su genere e orientamento sessuale con la saggista Giorgia Serughetti e sulla disabilità con Stefano Trasatti, responsabile comunicazione di CSVnet.

Quest’ultimo sarà tra i relatori anche del seminario “La comunicazione sociale oggi. La buona notizia è una notizia? Come favorire l’incontro tra giornalisti e volontariato”, organizzato da CSV Vol.To a Torino il 14 giugno. Oltre al presidente del Centro Silvio Magliano saranno presenti il caporedattore centrale di Vita Stefano Arduini, la vice caporedattrice della Rai Valle d’Aosta Alessandra Ferraro, il giornalista siciliano Salvatore Di Salvo.

La serie si chiude il 15 giugno a Genova, con la ripetizione del seminario sul linguaggio citato sopra: nella prima edizione infatti la lista d’attesa era talmente lunga da indurre l’ordine dei giornalisti regionale a replicare con lo stesso programma.

Tutti gli incontri sono stati organizzati con la collaborazione di CSVnet.